Euro ai massimi sul dollaro, poi ripiega un pò

24 gennaio 2011
Di

Questa mattina, l’euro ha raggiunto, subito dopo l’inizio delle contrattazioni, un valore di 1,3648 contro il biglietto verde americano, per poi leggermente ripegare sotto quota 1,36. Un dato, che indica un punto di massimo delle ultime nove settimane, vale a dire dei due mesi di calvario, in cui la moneta unica si è trovata sotto pressione, per le tensioni che si sono concentrate in Europa, per l’eccesso di indebitamento in molti Paesi dell’Eurozona.

Sospinto dal clima di maggiore serenità sui mercati finanziari, complice sia il sostegno alle aste periferiche da parte della BCE, che l’ invito alla realtà dalle agenzie di rating, che ritengono il rischio default in Europa sopravvalutato dai mercati.

Negli USA, si scommette ancora su un andamento al rialzo dell’euro sulla divisa americana, ma è probabile che dopo i massimi di oggi, vi sia un’inversione di tendenza, con un gioco al rialzo del dollaro (ribasso dell’euro), sebbene non drastico.

Se le nubi del debito su Eurolandia verranno diradate nel tempo, è molto probabile che la moneta unica possa così maggiormente riflettere i fondamentali reali, quali l’economia. In questo campo, l’euro gioca una partita in suo favore, perchè l’economia reale resta molto solida, con una tendenza all’indebitamento privato contenuta, rispetto alle famiglie americane e una dimostrata capacità di concorrere sui mercati internazionali. Inoltre, gioca in favore della forza dell’euro la politica della BCE di inflation targeting, che mira a contenere il tasso d’inflazione al 2% massimo, nel breve periodo, con una politica monetaria non interventista. In più, il saldo negativo della bilancia commerciale USA corrobora l’ipotesi di un indebolimento del dollaro, anche in considerazione della politica dei tassi zero della Fed, che incentiva il deflusso dei capitali dagli USA, quindi, indebolisce la valuta verde.

Ovviamente, tutte le previsioni possibili dovranno fare prima i conti con le tensioni che ancora sui mercati europei non sono affatto svanite. Nessuna illusione.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture