Svolta a Pomigliano, si riparte

6 febbraio 2011
Di

PomiglianoSi parla di svolta a Pomigliano, dal 7 marzo infatti partiranno le nuove assunzioni nella Newco Fabbrica Italia, si prevede l’impiego di 4.800 operai che lavoreranno alla produzione della nuova Panda.

E’ previsto per il 17 febbraio l’incontro dell’ Unione industriali di Napoli, incontro che verge sul dialogo tra sindacati e Azienda a cui partecipera’ anche la Fiom, o cosi’ dovrebbe, in discussione infatti la valutazione, cosi’ come spiega il segretario generale della Fiom Napoli, Andrea Amendola “non so se parteciperemo, valuteremo la situazione con i nostri legali”, anche se questa dichiarazione appare piu’ come una mossa strategica.

Nonostante l’approvazione del documento, la minoranza riformista ha negato un dialogo con Cisl e Uil, mentre a Pomigliano, il rapporto di lavoro è gestito e disciplinato dal contratto collettivo specifico di primo livello tra Fiat e le organizzazioni sindacali risalente al 29 dicembre scorso.

La ricollocazione del personale segna una svolta rivolta a ridurre la cassa integrazione del personale che oggi si trova impegnato presso lo stabilimento di Giambattista Vico, mentre la Fiat Group Automobiles non perdera’ alcun diritto di acquisto. Ha rilasciato anche una dichiarazione, Maurizio Sacconi, il ministro del Lavoro assicurando “il governo accompagnera’ il percorso intermedio con gli ammortizzatori sociali vigilando sull’attuazione dell’intesa, nei giorni scorsi sono entrare in vigore le nuove dimensioni della detassazione  e della decontribuzione del salario di produttivita’ che da gennaio 2011 interessano tutti i lavoratori con reddito 2010 fino a 40 mila euro, comprendendo operai e impiegati”. A questa dichiarazione i sindacati si sono detti soddisfatti.

Giovanni Sgambati, segretario generale della Uilm Campania si tratta “della conferma del valore del voto favorevole dei lavoratori all’accordo”, mentre, sempre di parere positivo è Giuseppe Terracciano, segretario Fim-Cisl Napoli che concorda nel piano attuato al fine di salvaguardare l’occupazione, assicurando così un futuro non solo alle attuali aziende, ma in prospettiva delle future nuove aziende. Infine, ovvia, anche la posizione positiva di Lello Russo, sindaco di Pomigliano d’Arco.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture