Usa: decolla la finanziaria da 3700 miliardi, ma i tagli potrebbero continuare

14 febbraio 2011
Di

Barack Obama ha oggi presentato al Congresso la proposta per la finanziaria 2012, annunciando forti tagli alle agenzie federali (e in particolare al Pentagono), ma con interventi a favore di nuove infrastrutture, istruzione e ricerca. Il progetto di Obama intende risanare in modo drastico il deficit federale che quest’anno dovrebbe arrivare, secondo le stime a 1600 miliardi di dollari, a 1100 nel 2010 e a 600 miliardi entro il 2018.

Per l’economia Usa è prevista una crescita del 3,1% quest’anno e del 4% nel 2012, con un calo dello 0,4% del tasso di sisoccupazione che potrebbe addirittura arrivare al 5,9% nel 2015. Sono questi i punti di forza della finanziaria 2012, presentata da Obama con un perentorio “E’ ora di cominciare a vivere secondo i nostri mezzi”. Per assicurare questi dati positivi infatti, i tagli previsti dovranno avere validità per i prossimi 5 anni.

La finanziaria proposta da Obama sembra che infierirà meno con i tagli rispetto al progetto che i repubblicani presenteranno in settimana al Congresso in risposta a quello del Presidente, che dichiara di aver preferito fare scelte più mirate e calcolate ma che si è comunque avvicinato a quanto pianificato dal partito repubblicano dopo le elezioni di novembre, in cui i democratici sono stati vinti dallo schieramento opposto.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture