Mediaset in picchiata deopo il rinvio a giudizio di Berlusconi

15 febbraio 2011
Di

Le vicende giudiziarie di Silvio Berlusconi influiscono (e non poco) anche sulla situazione in Borsa della sua azienda numero uno. I titoli di Mediaset hanno infatti registrato una brusca discesa oggi, dopo che il gip di Milano Cristina di Censo, ha rinviato a giudizio il Presidente del Consiglio per le imputazioni di concussione e prostituzione minorile relativamente agli scandali emersi attorno alla giovane Karima el Mahroug, detta Ruby.

Nella confusione generale il titolo di Mediaset perde l’1,65% scivolando a quota 4,76 euro. Si ricorda che Berlusconi è azionista di controllo tramite Fininvest, ma è da sempre considerato, soprattutto dall’opposizione, il vero proprietario dell’azienda emittente. Prima della notizia di rinvio a giudizio il titolo cedeva lo 0,2%, ma già intorno alle 11,40 era in ribasso dell’1,35% a 4,78 euro, il dato peggiore del listino milanese odierno. Anche la controllata spagnola di Mediaset, Telecinco ha ceduto ben due punti percentuali, risultando il peggior titolo del settore media.

La sconfitta in Borsa ha contribuito a rabbuiare l’umore del premier, che ha evitato di partecipare alla conferenza stampa di Catania dove era atteso assieme al ministro dell’Interno Maroni per discutere dell’immigrazione.

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento



Letture