Ansaldo,anticipi per le commesse in Libia sono una garanzia dei contratti

24 febbraio 2011
Di

Ansaldo Sts, società controllata del Gruppo Finmeccanica, in Borsa  registra un-0,10% a 9,99 euro, una frenata figlia delle preoccupazioni per la connessione della società, in termini lavorativi, in Libia. Unicredit fa chiarezza sull’argomento e afferma che Ansaldo ha un totale dei contratti vinti pari ad un ammontare di 740 milioni di euro, in territorio libico.

Il pagamento anticipato di tali contratti è pari a circa 200 milioni di euro. Non c’è nessun rischio di perdite operative, poiché la tecnologia utilizzata non è “su misura” e non necessita investimenti specifici. Al momento sono tre i dipendenti Ansaldo Sts che lavorano in Libia. Il progetto a cui Ansaldo Sts sta lavorando (una ferrovia), continua Unicredit, diventerà un’infrastruttura fondamentale per il Paese, il quale comporta un rischio di cancellazione, ma è oggettivamente difficile analizzare in questo momento l’impatto che potrebbe avere rispetto alla situazione attuale. In ogni caso, i pagamenti in acconto rappresentano una buona garanzia per Ansaldo Sts. “Se non verrà eseguito il progetto, per problemi che chiaramente non dipendono dalla società, si registrerà un profitto analogo a nostro avviso, probabilmente superiore”, precisa Mediobanca. In Borsa il titolo viene scambiato a un P/E 2011 di 12,6 volte, al di sotto del  livello storico di 14,5 volte su una base a 12 mesi, “ma crediamo che questo potrebbe essere considerato coerente con l’attuale contesto macro”, conclude Unicredit. Gli analisti di Mediobanca considerano i cali del titolo dovuti alla situazione libica ingiustificati. Per questi esperti la recente debolezza può, al contrario, rappresentare un’opportunità di acquisto (outperform e prezzo obiettivo a 12 euro confermati).

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture