Juve in rosso: ricavi in calo e spese in aumento

28 febbraio 2011
Di

La società calcistica Juventus ha segnalato di avere i conti in rosso, cosa che ha allarmato azionisti e tifosi: nel semestre compreso tra luglio e dicembre 2010 la società bianconera ha infatti subito una perdita netta di 39,5 milioni di euro, da confrontarsi con l’utile netto pari a circa 12 milioni registrato nello stesso periodo dell’esercizio precedente. Il risultato operativo semestrale della Juventus ha segnato una perdita di 37,7 milioni da un utile di 25 milioni. I ricavi sono scesi del 29%, mentre i costi operativi sono saliti del 16,8% (100,1 milioni). La posizione finanziaria netta è emersa in modo negativo al 31 dicembre 2010 per 56,8 milioni di euro. Sicuramente i conti negativi sono influenzati anche dalla mancata partecipazione della Juventus alla Champions League, che ha determinato proventi e ricavi inferiori.

I conti in rosso non sono l’unica questione che il CdA della società di calcio Juventus ha dovuto affrontare nell’ultimo periodo: nel corso dell’ultima riunione del Consiglio è stata infatti notata l’assenza di Khaled Fareg Zentuti, membro della finanziaria libica Lafico, che detiene il 77,5% delle azioni della squadra bianconera. Dato che le sanzioni imposte dall’Onu prevedono il congelamento dei beni del leader libico Muammar Gheddafi, le probabili ripercussioni sulla società Lafico potrebbero interessare da vicino gli affari della Juventus.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture