Istat: disoccupazione giovanile in aumento

6 marzo 2011
Di

Sono decisamente allarmanti i dati provenienti dal mondo del lavoro. Per il terzo mese consecutivo si rileva un tasso di disoccupazione dell’8,6% con una crescita di 0,2 punti percentuali su base annua. Secondo l’Istat, è in aumento il tasso di disoccupazione giovanile, in una fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni, il quale ha raggiunto il 29,4%.

Siamo di fronte ad un triste record messo a segno dal gennaio del 2004, quando sono iniziate le serie storiche mensili. A dicembre 2010 il tasso di disoccupati giovanili si fermato attestato a 28,9%. Il numero dei disoccupati è pari a 2 milioni 145 mila e si registra una crescita dello 0,1%  rispetto a dicembre. Dentro questi numeri, a pesare di più, è la disoccupazione femminile, con una leggera flessione di quella maschile. Su base annua la crescita del numero di disoccupati è del 2,8% (+58 mila unità). Nel mese di gennaio gli occupati erano 22 milioni 831 mila unità, in netta diminuzione dello 0,4% (-83 mila unità) rispetto a dicembre 2010. Comparando questi dati con l’anno precedente, l’occupazione è in calo dello 0,5% (-110 mila unità). Gli inattivi compresi tra i 15 e i 64 anni sono in aumento dello 0,5% (80 mila unità) rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività è pari al 37,8%, dopo tre mesi in cui risultava stabile al 37,6%.

Tag: ,

Lascia un commento



Letture