BTp, cresce spread su timori periferici e obbligazioni private

9 marzo 2011
Di

Il mercato dei BTp vede in queste ore aumentare il suo differenziale di rendimento (spread) sui decennali tedeschi. Al momento, sul segmento a dieci anni, si registra uno spread di oltre 180 punti base, dopo la chiusura già in rialzo di ieri, quando la differenza era di 173 punti base.

Due sarebbero le ragioni fondamentali di un disallineamento dei rendimenti tra Italia e Germania. Il primo motivo risiede nei timori per la periferia, soprattutto con Spagna e Portogallo. La Spagna ha già collocato i suoi titoli, così come sta facendo oggi il Portogallo, che segna rendimenti record per la sua storia sotto l’euro, con il 6,617% sui titoli a due anni e il 7,7% sui titoli a dieci anni. Il ritorno alla crescita dei tassi e dei differenziali con i Bund sarebbe dettato dal timore dei mercati di una più gravosa situazione conseguente all’attesa dei rialzi dei tassi da parte della BCE. Secondo alcuni analisti, l’aumento del costo del debito in alcuni stati periferici come Spagna e Portogallo, comporterà maggiori rischi. 

C’è poi il fatto che in questi giorni i mercati sono sotto pressione, anche per il collocamento di titoli privati; basti pensare ai 2,2 miliardi racimolati ieri dall’asta obbligazionaria Fiat, rivolta agli investitori istituzionali.

Tutto questo avrebbe un pà compresso la domanda, facendo soffrire i titoli considerati più a rischio.

E per l’11 marzo, il Tesoro ha annunciato di volere collocare BTp a  5 e 15 anni, per un importo complessivo, che dovrebbe variare tra i 3 e i 5 miliardi di euro.

I titoli con scadenza novembre 2015 saranno collocati tra un minimo di 2 e un massimo di 3 miliardi, mentre per il segmento a 15 anni, si chiederanno ai mercati tra 1 e 2 miliardi.

Trattandosi in entrambi i casi di titoli a lungo termine, sarà inevitabile un rialzo dei tassi, dovuto alle attese di aumento dei tassi di riferimento, che dovrebbero determinare incrementi nel medio-lungo termine e abbassamenti per i titoli di breve periodo.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture