La crisi frena l’export della Cina

10 marzo 2011
Di

Secondo i dati rilasciati dalla dogana, a febbraio l’export cinese ha subito un notevole rallentamento: la voce è cresciuta soltanto del 2,4% rispetto allo stesso mese del 2010 a 96,74 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono cresciute segnando un aumento del 19,4%, sempre facendo un confronto con febbraio 2010. Per la Cina questo è il primo deficit commerciale dopo 11 mesi, pari a 7,3 miliardi i dollari.

I dati, per quanto restino positivi, segnano comunque un calo che per l’export cinese è decisamente un fatto inusuale. Tra le cause più probabili della brusca frenata, il Capodanno lunare che quest’anno è venuto a cadere il 3 febbraio, e come ogni anno ha determinato qualche problema per quanto riguarda le esportazioni, mentre al contrario le importazioni hanno prosperato come non mai. Di certo un fattore determinante per il deficit commerciale è stata l’impennata delle materie prime e del petrolio determinata dalla questione del Nord Africa e in parte anche dai disordini in Medio Oriente, che sebbene meno incisivi, hanno comunque avuto un impatto consistente sull’economia internazionale: anche la Cina ne ha subito gli effetti, diminuendo la propria richiesta di materie prime e di conseguenza la propria produzione.

Tag: , , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture