Fiat progetta l’espansione in Russia

11 marzo 2011
Di

Sembra che, tra le mire espansionistiche di Fiat all’estero, il principale investimento che i capi del Lingotto stiano studiando riguardi la costruzione di un impianto in Russia, nella regione di Lipetsk. Una fonte “ben informata” ha infatti comunicato i piani dell’azienda all’agenzia Dow Jones Newswires, precisando che il possibile nuovo stabilimento dovrebbe sostenere una capacità produttiva di 300 mila auto all’anno, secondo un target calcolato a partire dal 2014. Secondo le previsioni, la costruzione dell’impianto richiederebbe a Fiat una spesa pari a circa un miliardo di euro. Fiat non ha voluto rilasciare commenti in proposito, politica sostenuta anche dal responsabile del dipartimento per gli investimenti e le razioni con l’estero del Governo della regione di Lipetsk, Igor Malenko.

Perché la regione di Lipetsk? Perché gode di una zona economica speciale che permetterebbe alla Fiat di godere per un periodo compreso tra cinque e dieci anni di favorevoli agevolazioni fiscali. Inoltre l’azienda torinese sta valutando negli ultimi mesi molte proposte di collaborazione da parte di società russe: recentemente è stata divulgata la notizia di un probabile contatto con Tagaz. Pochi giorni fa Marchionne aveva dichiarato di voler prendere decisioni precise al riguardo entro aprile.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture