Tre banche per salvare l’italianità

21 marzo 2011
Di

Per salvare Fondiaria-Sai, UniCredit vara un’operazione da 170 milioni al fine di rilevare parte dei diritti di opzione di Premafin e sottoscrivere fino al 7% della compagnia assicurativa sostituendo i francesi di Groupama.

UniCredit porta vanti il piano di acquisizione senza il supporto di Mediobanca e di Intesa Sanpaolo. Quest’ultima è impegnata sul fronte Parmalat, con il possibile ingresso di Mediobanca. Gli impegni assunti dalle banche italiane sono molto graditi dal ministero dell’Economia guidato da Giulio Tremonti, quest’ultimo pronto a scendere in campo per difendere l’italianità delle aziende strategiche per il sistema Paese. Un sistema che è difendibile attraverso operazioni di mercato, come quelle messe in atto da UniCredit, Mediobanca ed Intesa SanPaolo. La collaborazione tra i gruppi bancari sopra citati, infonde sicurezza e decisione: la conservazione delle aziende italiane in mani italiane, significa conservare gli interessi del nostro paese e dei posti di lavoro. Le tre banche, nonostante in passato non sono state sempre in sintonia, oggi hanno deciso di avviare un dilago per l’acquisizione di tre aziende molto importanti : Parmalat, Telecom e Fondiaria-Sai.



Tag: , , , , ,

Lascia un commento



Letture