In aumento la produzione di acciaio

23 marzo 2011
Di

La ricostruzione in Giappone non subirà intralci per i rifornimenti di acciaio. Le ultime stime della World Steel Association (Worldsteel) prevedono una situazione infatti un quadro di grande quantità del metallo, soprattutto in Asia. Nel mese di febbraio, con una crescita globale dell’8,8% della produzione siderurgica (a 117 milioni di tonnellate), la Corea del Sud ha registrato un rialzo del 25,7% rispetto a un anno prima, arrivando a 5 milioni di tonn.

In Cina la produzione di acciaio è stata pari a 54,3 milioni di tonn, con un incremento del 2,8% rispetto a gennaio di quest’anno e di ben il 9,7% rispetto a febbraio 2010. Tra gennaio e febbraio sono state esportate 48,8 milioni di tonn. di minerale di ferro (-1% rispetto a un anno prima), mentre le importazioni di carbone da coke sono invece scivolate sotto 2 milioni di tonnellate. Anche l’industria siderurgia giapponese produceva a ritmi sostenuti, prima della catastrofe: la produzione  era comunque del 5,7% rispetto a febbraio 2010. Per il mese di marzo gli analisti stimano che si verificherà una caduta del 20-30 per cento a causa dei disastri ambientali giapponesi, anche se né il Terremoto, nè lo tsunami hanno danneggiato in modo significativo l’industria siderurgica. Sono solo quattro gli impianti danneggiati e nessun produttore ha invocato lo stato di forza maggiore sugli ordini di materie prime. L’anno scorso il Giappone è stato il secondo produttore mondiale di acciaio, con un output di 109,6 milioni di tonn. I suoi consumi interni sono stati di circa 60 milioni di tonn, mentre tutto il resto è stato esportato. Il calo delle esportazioni giapponesi potrebbe causare qualche tensione sui prezzi in Asia, ma potrebbe addirittura tradursi in un’opportunità utile ad assorbire una parte dell’eccesso di produzione nella regione.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture