Minore fiducia da parte dei consumatori a marzo: calo forte soprattutto nel Nord-Ovest

24 marzo 2011
Di

L’indice del clima di fiducia dei consumatori è passato a marzo 2011 a 105,2, dopo aver raggiunto 106,3 nel mese scorso. Queste sono le cifre rilasciate in data odierna dall’Istat: a contribuire al calo contribuiscono l’indicatore sul clima economico del Paese (sceso da 78,5 a 75,8) e l’indice relativo alla condizione economica personale (ridotto da 120,5 a 119,7).

In calo anche gli indici relativi alla situazione corrente e alle prospettive future, soprattutto per quanto riguarda le previsione relative all’andamento della disoccupazione e sulle opportunità correnti di risparmio. Si aggiunge a tutto questo un peggioramento relativo alla situazione economica del Paese, che però segna soltanto un leggero calo, così come sul bilancio familiare e le valutazioni sul mercato dei beni durevoli. Recuperano invece i giudizi a proposito della situazione economica dell’Italia e le valutazioni presenti e prospettiche relative ai singoli nuclei familiari. Un miglioramento consistente è stato registrato per quanto riguarda le valutazioni sulle possibilità future di risparmio. I consumatori prevedono inoltre, sulla base di quanto osservato negli ultimi 12 mesi, ch i prezzi continueranno a salire e con una non trascurabile accelerazione.

Se i consumatori del Nord Est della penisola sono i più ottimisti, nel Nord Ovest si sono invece registrate le opinioni più marcatamente negative.

Tag: , , , , ,

Lascia un commento



Letture