Bond portoghesi, quinquennali oltre l’8,3%

25 marzo 2011
Di

Non si arresta il clima di sfiducia che circonda Lisbona. Dopo l’apertura della crisi di governo, conseguenza della bocciatura della Camera dei provvedimenti di austerità varati dal governo di Socrates, già due agenzie internazionali di rating hanno provveduto a declassare il giudizio sul debito sovrano lusitano. Fitch ha portato il suo rating da A+ ad A-, mentre Standard & Poor’s, poche ore dopo, lo ha abbassato da A+ a BBB. 

Rimane negativo il credit watch, a causa della non approvazione del piano di risparmio pubblico, che avrebbe inciso positivamente sui conti pubblici del Portogallo. Si prevede che Lisbona non possa trovare sui mercati le risorse necessarie a finanziare il proprio indebitamento, se non a tassi insostenibili.

E, infatti, la reazione dei mercati non si è fatta attendere. I titoli decennali hanno ormai raggiunto la soglia dell’8%, ben 472 punti base in più dei Bund tedeschi, un differenziale che si allarga di altri 11 punti base, rispetto alla seduta del giorno precedente. Ma forse preoccupano di più gli sprint dei rendimenti sulle scadenze più brevi, come sui quinquennali, i cui tassi hanno toccato quota record dell’8,348% e i titoli a 2 anni rendono ben il 6,914%.

Quindi, i titoli portoghesi a 5 anni rendono ancora di più dei decennali, un’apparente contraddizione che si spiega con i timori dei mercati, che si concentrano sulle scadenze più ravvicinate negli anni, in quanto queste rappresenterebbero l’arco temporale più a rischio solvibilità per Lisbona.

Certo, nonostante tutto, non si è verificato il panico, che invece colpì lo scorso anno la Grecia, quando i rendimenti passarono a oltre il 24%. Ciò potrebbe essere dovuto in gran parte all’attesa dei mercati di un piano di salvataggio europeo, che dovrebbe materializzarsi la settimana prossima, per un importo previsto di 75 miliardi di euro.

E’ ancora da scoprire se ciò avverrà tramite la concessione di prestiti, come per Grecia e Irlanda, o tramite l’acquisto di titoli sui mercati.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture