Electrolux: raggiunto accordo preliminare. Salvi 6000 posti di lavoro

26 marzo 2011
Di

Al ministero dello Sviluppo economico è stato firmato l’accordo di riassetto del gruppo Electrolux, la multinazionale degli elettrodomestici. Si tratta di un accordo preliminare, come hanno precisato i sindacati;

il Ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, ha dichiarato : «Abbiamo creato le condizioni affinché una grande azienda di elettrodomestici, che impiega migliaia di persone, abbia potuto confermare la propria presenza produttiva in Italia, mantenendo anche i centri di eccellenza e di sviluppo di prodotti e componenti tecnologicamente avanzati». Grazie a questo accordo sono stati messi in sicurezza a oltre 6000 posti di lavoro. Per altre 600, secondo l’accordo con le sigle sindacali, si avvierà una graduale riduzione occupazionale. «L’accordo – spiega una nota del ministero dello Sviluppo economico – prevede inoltre un forte impegno societario al mantenimento di tutti gli stabilimenti italiani, con lo scopo di valorizzare sia le produzioni tradizionali che professionals». La riorganizzazione dell’azienda ha consentito una gestione più efficiente la quale ha permesso di evitare licenziamenti e riduzioni traumatiche. I sindacati coinvolti nell’intesa hanno, però, precisato che si tratta di un accordo preliminare, per il quale servirà l’approvazione dei lavoratori della Electrolux. Se l’esito della votazione vedrà l’approvazione del piano di salvataggio, diverrà un accordo definitivo da sottoscrivere in sede ministeriale il giorno 31 marzo.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture