Lavoro, piu’ intermediari

11 aprile 2011
Di

Avere piu’ intermediari attivi sul mercato del lavoro significa avere piu’ opportunità. Oggi piu’ che mai, le agenzie per il lavoro risultano decisamente utili, ed hanno un compito essenzialmente strategico come intermediari, anche se interessano ancora un numero limitato di persone. La loro utilità nasce dal fatto che mettono a disposizioni servizi del tutto gratuiti per i lavoratori che sono integrati spesso in situazioni lavorative inadeguate. Le lamentele infatti spesso arrivano da coloro che vivono situazioni lavorative offerte dai Centri per l’impiego pubblico. Inoltre, il guadagno viene dalle aziende utilizzatrici del servizio e non va a scapito della retribuzione del lavoratore, in tutto e per tutto equiparata a chi è assunto. Le agenzie per il lavoro servono per quello che realmente sono state create, ovvero a fare da intermediari tra aziende che offrono lavoro e persone alla ricerca di occupazione, a “somministrare” personale alle aziende, facendosi carico della sua gestione. Inoltre, i corsi di formazione per i lavoratori in somministrazione sono finanziati da speciali fondi grazie ad una trattenuta dalle retribuzioni lorde. A tale proposito non ci resta che ribadire che le agenzie per il lavoro sono davvero utili, perchè attive nel mondo del lavoro, anche se, ribadiamo, interessano ancora una piccola parte dei lavoratori. E’ abbastanza fuorviante pero’ attribuire alle agenzie per il lavoro la totale responsabilita’ del “ginepraio” del mercato del lavoro odieno. La realtà è che la maggior parte delle aziende italiane, piccole e grandi, sono in difficoltà, ovvero mancano i soldi da investire e questo porta a dover risparmiare, spesso sbagliando, non assumendo o addirittura, anzi, peggio, licenziando. In poche parole le agenzie per offrire lavoro hanno bisogno che le aziende tornino ad assumere, altrimenti, se non vi è richiesta, le agenzie non possono svolgere il loro compito di intermediari del lavoro.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture