Negli Usa è Hollywood che paga di più

18 aprile 2011
Di

HolliwoodLe “paghe d’oro” sono tornate ai vertici della Corporate Americana, spesso con pacchetti multimilionari capaci di far impallidire le remunerazioni europee. Il compenso medio di uno chief executive è stato, per il 2010, pari a 9,6 milioni di dollari, un aumento del 12% dopo gli anni “magri” segnati dalla crisi. Ed i re della classifica, finora più completa, compilata dalla Equilar per conto del New York Times, anzichè protagonisti della finanza, sono nomi dei media, dell’hi-tech, dell’energia e dell’industria. Su tutti Philipe Dauman dell’impero mediatico Viacom: ha portato a casa 84,5 milioni. In soli nove mesi, perchè la società ha cambiato l’anno fiscale facendo finire a settembre. La paga è stata gonfiata da un premio speciale in azioni scattato dopo la firma di contratto pluriennale. Ma si è lasciata nettamente alle spalle quella del banchiere più pagato: Jamie Dimon di JP Morgan con i suoi oltre 20 milioni. La super-paga di Dauman non è un caso isolato: Ray Irani, leader incontrastato della Occidental Petroleum e da sempre in vetta alle classifiche dei compensi, l’anno scorso ha ricevuto 76,1 milioni, tra cui un bonus in contanti da 33 milioni. Cifre rese ancor più significative dall’impennata sull’anno precedente: +142%.

Un’altra vecchia conoscenza di queste graduatorie è al terzo posto: Lawrence Ellisoni di Oracle, il gigante del software, con 70,1 milioni. Nel suo caso, paradossalmente, si tratta di un “taglio di stipendio”: per il 2009 Ellison aveva intascato il 17% in più. Ma altri compensi si sono fatti notate: nell’auto Alan Mulally di Ford, l’unica tra le aziende di Detroit a non aver ricevuto soccorsi federali durante la recessione, ha preso in tutto 26,5 milioni, un incremento del 48% grazie ad un premio in titoli. La riscossa dei compensi è stata evidenziata anche da un’analisi della società di consulenza Hay Group commissionata dal Wall Street Journal. Resta adesso da vedere come reagiranno gli azionisti, con le riforme a Wall Street hanno maggior voce in capitolo, pur se consultiva, sulle politiche retributive.

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture