Giappone: catastrofe anche per la produzione auto, a rischio il primato di Toyota

25 aprile 2011
Di

Dopo il terremoto dello scorso mese, lo tsunami e l’incidente nucleare, l’economia del Giappone non poteva che subire un crollo vertiginoso. Adesso la catastrofe è arrivata a toccare anche il settore automobilistico: Toyota ha tagliato la propria produzione del 62,7% a marzo e sembra ormai destinata a perdere la prima posizione sul podio dei produttori mondiali, guadagnato a scapito di Gm nel 2008. Dato inoltre la recente crescita esplosiva di Volkswagen, la casa automobilistica giapponese potrebbe addirittura scivolare al terzo posto della classifica.Secondo quanto rivelato dagli stessi portavoci di Toyota, il colosso dell’industria giapponese potrebbe continuare a subire la battuta di arresto fino a dicembre, a causa della forte difficoltà a reperire le componenti elettroniche e in resina, il primo ostacolo alla ripresa veloce ed efficace della produzione.

Crollano di pari passo anche Honda (-62,9%) e Nissan (-52,4%): l’outlook delle tre aziende è già stato pertanto definito da Standard & Poor’s “negativo”, rispetto allo “stabile” per cui tutte e tre le case automobilistiche erano ormai conosciute da tempo. L’agenzia di rating non ha esitato inoltre a prevedere un’ulteriore peggioramento – o comunque un rallentamento nella ripresa – per l’industria giapponese, almeno fino alla fine dell’anno in corso.

Tag: , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture