Banco Popolare al 20% di Agos entro il 2011

29 aprile 2011
Di

Banco PopolareL’ipotesi emerge in un report di Equita Sim, secondo cui l’istituto guidato da Saviotti potrebbe raggiungere un accordo con Crèdit Agricole per fine anno. Il Banco Popolare infatti potrebbe scendere al 20% di Agos-Ducato, già entro la fine dell’anno. E’ scritto su un report sull’istituto diffuso dagli analisti di Equita Sim, che riporta di senso di un recente colloquio con il manegement. Il consigliere delegato del Banco Popolare, Saviotti, spiegano gli esperti della Sim milanese “è fermamente convinto” che la discesa nell’azionariato della società attiva nel credito al consumo, unito alla migrazione verso modelli di tipo Irb (mettrodo dei rating interni, in gergo internal rating based) potrebbe spingere il Core Tier 1, verso l’alto per oltre un centinaio di punti base entro la fine del 2012. Da ricordare che, il gruppo, con sede a Verona, alla fine del 2010 avrebbe presentato un Core Tier 1 pro-forma nell’ordine del 6,5%,un livello che fa sì che il Banco Popolare tenda a restare indietro rispetto alla maggior parte dei gruppi del Belpaese, la cui tendenza generale, è quella di alzare l’asticella del Core Tier 1 al di sopra dell’8%. In ogni caso l’operazione Agos-Ducato, a parere degli esperti di Equita Sim, avrebbe un impatto positivo sul Core Tier 1 nell’ordine di una cinquantina di punti base. “La nostra impressione-affermano gli analisti della Sim-è che le trattative con Crèdit Agricole, finalizzate a ridurre la partecipazione nella joint venture dell’attuale 39% al 20% stiano progredendo”. Alla fine di febbraio lo stesso consigliere delegato Saviotti aveva fatto sapere che la questione Agos-Ducato rappresentava “un problema che non abbiamo ancora risolto, ma lo valuteremo”. Ebbene, stando agli analisti di Equita Sim, la quadratura del cerchio si potrebbe trovare già entro la fine dell’anno in corso.

Tag: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture