Dissequestro, Italcementi ritrova asset per 600 milioni

4 maggio 2011
Di

L’ Italcementi ritrova Calcestruzzi. Con un provvedimento del 20 aprile, il Tribunale di Catanisisetta ha disposto la completa revoca del sequestro preventivo della controllata del gruppo bergamasco guidato da Carlo Pesenti, con la contestuale restituzione definitiva del complesso aziendale agli azionisti aventi diritto. L’ordinanza emanata in seguito di stanza della difesa della società “riconosce la validità e l’efficacia dell’azione svolta da Calcestruzzi nell’attuazione del piano di prescrizioni disposto dal giudice, nonchè la chiara testimonianza di una buona volontà da parte della società sottoposta al vincolo e della sua controllante”. Calcestruzzi “esprime soddisfazione per la decisione adottata e per il riconoscimento che il piano riorganizzativo ed il miglioramento della propria governance, operato in questi ultimi anni, sia stato positivamente valutato ed apprezzato”. Gli azionisti hanno dato mandato al management della società di proseguire con determinazione il percorso definito, con l’obiettivo che Calcestruzzi, quale azienda leader del settore, costituisca un punto di riferimento sul fronte della legalità e dell’etica d’impresa, anche a sostegno dell’azione della magistratura. Calcestruzzi è riconsolidata nel bilancio di Italcementi a far data dall’ 1 gennaio 2022. Gli effetti del riconsolidamento saranno inclusi nella prima trimestrale dell’esercizio in corso, che sarà esaminato domani 5 maggio. L’esercizio di Calcestruzzi sarà caratterizzato dall’attuazione del nuovo piano industriale varato dal cda alla fine dello scorso anno. Il caso giudiziario era scoppiato il 30 gennaio 2008, quando l’allora ad della Calcestruzzi, Mario Colombini, e altri tre dirigenti della società erano stati arrestati su ordine del gip di Caltanissetta, con ipotesi di truffa, inadempimento di contratti di pubbliche forniture e intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di avere agevolato l’attività di Cosa Nostra.

 

Tag: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture