Berlusconi, no alla riduzione delle tasse

4 maggio 2011
Di

Silvio Berlusconi ha confermato il varo previsto per domani del decreto sviluppo, ma anticipa che prevede impossibile per il moemnto adottare linee di lavoro che includano una riduzione delle tasse. “Non è possibile ridurre la pressione fiscale, per nessun Paese europeo in un momento in cui la crisi globale non è ancora del tutto alle spalle”, ha spiegato il Presidente del Consiglio durante un’intervista andata in onda a Porta a Porta.

Berlusconi ricorda che il suo governo ha fatto il possibile per aiutare i cittadini nel momento della crisi, assistendo in particolare coloro che hanno perso il lavoro assegnando 34 miliardi di euro alla Cassa integrazione. In nessun caso, sottolinea, questa legislatura ha aggiunto forme di tassazione (“non è andata a mettere le mani nelle tasche degli Italiani”). Se pertanto è impossibile adesso proseguire una politica economica che pesi al minimo sulle spalle dei cittadini, è perchè non vi sono alcune possibilità per il Ministro dell’Economia Tremonti di migliorare la situazione.

Nonostante la smentita da parte del Ministero, dopo il decreto sviluppo il Tesoro potrebbe presentare il prossimo mese una manovra di mantenimento dei conti pubblici, con un impatto di 7-8 miliardi di euro (circa mezzo punto di Pil).

Tag: , , , , , , ,

2 Responses to Berlusconi, no alla riduzione delle tasse

  1. L’ennesima promessa fiscale | Minitrue il 13 giugno 2011 in 07:44

    […] 4 maggio 2011 […]

  2. […] 4 maggio 2011 «Non è possibile ridurre la pressione fiscale, per nessun Paese europeo in un momento in cui la crisi globale non è ancora del tutto alle spalle» […]

Lascia un commento



Letture