Asta Portogallo, tengono titoli trimestrali

5 maggio 2011
Di

Si può considerare un successo l’esito dell’asta portoghese di ieri, quando Lisbona ha collocato 1,1 miliardi di euro in titoli a scadenza trimestrale, un segmento ad alto rischio, dato che si tratta di quello coinvolto nella fase di crisi presumibilmente più acuta nella solvibilità del debito lusitano. Per come sono andate le cose, si può tirare un sopsiro di sollievo parziale, con rendimenti annualizzati del 4,652%, in salita dal precedente 4,076% dell’ultima asta del 20 aprile scorso.

La domanda è rimasta quasi invariata, in termini di copertura, con un bid to cover dell’1,9 contro il 2 del 20 aprile. Fino al giorno precedente, Lisbona aveva comunicato un ammontare all’asta tra 750 milioni e 1 miliardo di euro, cifra che è stata sforata, forse approfittando del clima non del tutto negativo del mercato.

Certo, un aumento di circa 60 punti base nei rendimenti sui titoli a tre mesi non può nemmeno essere accolto con un sorriso, perchè trattasi sempre di un balzo notevole. Tuttavia, il trend sui mercati per i periferici era tale da destare parecchie preoccupazioni, con il timore anche di una mancata copertura del fabbisogno minimo, da parte della domanda.

Invece, ha senz’altro giovato l’effetto annuncio del giorno precedente, non a caso, secondo cui l’Unione Europea, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Centrale Europea hanno trovato un’intesa per procedere allo sblocco dei famosi 78 miliardi di euro, necessari a rimpinguare le casse dello stato lusitano; e cosa ancora più importante, per il breve termine, è che la prima tranche di aiuti dovrebbe arrivare prima della metà di giugno, quando Lisbona dovrà procedere al rimborso di 4,9 miliardi in titoli del debito, evitando così le difficoltà di cassa, che si paventano da tempo. Al contempo, Lisbona fà sapere che il rimborso non sarà contestuale all’accensione di un nuovo debito di pari importo, il che dovrebbe rasserenare i mercati. Resta, ad ogni modo, l’incognita del piano di austerità e della sua attuazione.

Lascia un commento



Letture