Ripresa e produzione industriali stagnanti rispetto alla media mondiale: la denuncia di Confindustria

18 maggio 2011
Di

Il periodo della crisi è ormai finito, la ripresa è ormai costante in tutto il mondo. Ma è davvero così? Secondo i dati pubblicati su “Congiuntura Flash”, elaborati dal centro studi di Confindustria, l’Italia arranca dietro ai Paesi che ormai si sono ristabiliti: mentre su scala mondiale la ripresa appare “solida, anche se meno rapida rispetto agli alti ritmi di fine 2010-2011”, in Italia il Pil ristagna, insieme alla produzione industriale.

“La ripresa in Italia resta anemica”, denuncia lo studio di Confindustria: il Pil nel primo trimestre del 2011 è cresciuto soltanto dello 0,1% rispetto al quarto periodo del 2010 (mentre in Germania si è toccato un massimo di +1,5%, e la media dell’Eurozona corrisponde a un +0,8%; la produzione industriale è addirittura apparsa in calo (-0,1%). Rispetto a luglio 2010 è aumentata soltanto dello 0,1% ed è cresciuta su base mensile ad aprile dello 0,2%.

Il quadro che appare dai dati di Confindustria mostra un’Italia ancora affaticata, cauta negli acquisti a causa delle difficoltà o anche soltanto dal timore della disoccupazione, la cassa integrazione ha smesso di contrarsi e le possibilità offerte negli investimenti sono per lo più scoraggiate da margini di profitto estremamente ridotti.

Tag: , , , , ,

Lascia un commento



Letture