Asta BTp, calo rendimenti segnala fiducia mercati

31 maggio 2011
Di

Giornata positiva in ambito monetario. Malgrado la tempesta che sta travolgendo la Grecia, di cui molti investitori ormai apertamente diffidano della possibilità di rimborso del debito, il rischio di contagio non pare si stia verificando nemmeno in questa fase acuta verso gli altri stati periferici o semi-periferici.

Ieri, il collocamento di un importo notevole di titoli BTp a 3 e 10 anni è stata l’occasione per testare la solidità della fiducia dei mercati verso l’Italia. Già la scorsa settimana, tuttavia, l’asta BoT e di titoli a più lunga scadenza era stata l’occasione per smentire il pessimismo di Standard & Poor’s, l’agenzia di rating che ha minacciato un declassamento dei nostri titoli e che ha mutato l’outlook da stabile a negativo.

Il calo dei rendimenti, seppur modesto, si è verificato anche ieri, quando all’asta sono stati collocati titoli complessivamente per 8,3 miliardi di euro.

Il Tesoro ha offerto 2,915 miliardi di euro in titoli BTp a 10 anni, registrando una domanda pari a 1,50 volte, in crescita dall’1,41 di aprile. Il rendimento è risultato in calo di 11 centesimi, passando dal 4,84% di aprile al 4,73% di ieri.

I BTp a tre anni, con scadenza aprile 2014, sono stati collocati per un importo di 3,5 miliardi, riscontrando una domanda di 1,33 volte l’offerta, in calo dal precedente 1,58, ma comunque sufficiente a fare registrare un lieve calo di un paio di centesimi, portando il rendimento a 3,43% dal 3,45%.

Infine, sono stati piazzati anche 1,8 miliardi di CCteu, che hanno visto incrementare il loro rendimento al 3% dal precedente 2,89%. Buona la domanda, pari a 1,592 volte l’offerta.

Nonostante il successo dell’asta di ieri, lo spread sul decennale tra i nostri BTp e i Bund tedeschi è risultato in crescita, sfondando quota 180, portandosi a 182 punti base, dalla precedente rilevazione di 177 bp. Tuttavia, il divario del differenziale è più che altro dovuto al calo dei tassi dei titoli tedeschi, non a un nostro peggioramento.

Tag: ,

Lascia un commento



Letture