Bce: tassi di interesse invariati, l’Europa tira un sospiro di sollievo

9 giugno 2011
Di

In data odierna il consiglio direttivo della Banca Centrale Europea ha stabilito durante la riunione attesa da mesi che i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali rimarranno invariati all’1,25%, secondo quelle che in effetti erano le attese di mercato. Invariato anche il bank rate della Bank of England, che rimarrà fermo allo 0,5%.

Nonostante queste possano considerarsi notizie abbastanza positive, il presidente della Bce Jean-Claude Trichet ha lasciato intendere nel corso della conferenza stampa seguita alla riunione che a luglio il costo del denaro crescerà. Al moneto infatti vi è molta attenzione per le pressioni inflazionistiche presenti nell’Eurozona, e i rischi per l’outlook sulla stabilità dei prezzi sono al rialzo. Per evitare dunque che le presioni inflazionistiche continuino ad espandersi a causa dei recenti sviluppi sui prezzi, la Bce ha stabilito come limite massimo il tasso d’inflazione del 2% nel medio termine; limite che assolutamente non dovrà essere superato, sebbene probabilmente il tasso effettivo vi si avvicinerà molto.

Per quanto invece riguarda gli spread sui rendimenti dei bond greci a 10 anni, essi si mantengono in rialzo, dopo che dal rapporto della Troika è emerso che la Grecia non riuscirà a tornare sui mercati del debito nel 2012.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture