Conto Bancoposta: zero interessi. La nuova strategia mira ad imitare le banche

10 giugno 2011
Di

Il Bancoposta azzera gli interessi ai propri correntisti. Si tratta della nuova incredibile proposta contenuta nelle oltre cinque milioni e mezzo di lettere che, in questi giorni, stanno arrivando al domicilio di tutti i correntisti di Bancoposta. Il tasso di credito, a partire dal primo settembre, passerà dallo 0,15% allo 0,00 per cento.

Definito già da molti come il “non tasso”, questa proposta viene considerata un suicidio commerciale poiché si andrebbe a concretizzare una massiccia fuga dei risparmiatori. L’idea dell’amministratore delegato Massimo Sarmi e dei suoi manager consiste nello spingere i correntisti a chiudere il conto Bancoposta ed allo stesso tempo convincerli a passare a un nuovo prodotto. Quest’ultimo lo hanno battezzato “Banco Posta più”, con vantaggi e svantaggi completamente diversi dal precedente. Il vecchio Bancoposta deve il suo successo alla semplicità ed alla trasparenza dell’offerta, con costi annui di 30,99 euro per la tenuta conto più i 10 euro l’anno per il bancomat, con il tasso pari dello 0,15%. La nuova offerta azzererà i costi purché vengano accreditati lo stipendio o la pensione, chiedere la domiciliazione delle bollette ed una carta di credito. Stessa sorte per il bancomat: i 10 euro vengono azzerati solo con l’accredito di stipendio/pensione e la domiciliazione delle bollette. Il tasso salirà allo 0,25%, ma diventa dell’1%, sempre con la solita clausola dell’accredito stipendio e richiesta carta di credito. Un vero peccato, considerata la forma semplice che aveva il Bancoposta rispetto ai prodotti bancari.

Tag: ,

Lascia un commento



Letture