Sarkozy: “deve esserci un solo Italiano nel board Bce”

17 giugno 2011
Di

Ieri sera era stata diffusa la notizia della richiesta di dimissioni “spontanee” fatta dal premier Silvio Berlusconi al rappresentante italiano alla Banca Centrale Europea Bini Smaghi. Le pressioni sul bancario europeo si sono oggi estese a livello internazionale: ha voluto infatti esprimere la sua opinione al riguardo anche il Primo Ministro francese Nicolas Sarkozy, che come il governo italiano ha sottolineato l’importanza di un unica figura di riferimento per l’Italia all’interno del contesto europeo della Bce.

“Anche se le ambizioni di carriera degli uni e degli altri sono assolutamente appassionanti sono comunque meno importanti dell’interesse generale”, ha infatti dichiarto Sarkozy in una conferenza stampa al termine della bilaterale con la Canceliera tedesca Angela Merkel. in effetti la consuetudine all’interno della Bce vuole che le quattro maggiori economie europee all’interno della zona euro presentino un rappresentante nel comitato esecutivo.

Bini Smaghi, che già ieri si era opposto alla richiesta del governo italiano (paragonando la sua figura a quella di Tommaso Moro, che rifiutò l’imposizione forzata del re Enrico VIII andando incontro alla morte per non cedere), è oggi intervenuto a Stoccolma nel pieno delle sue funzioni a proposito della questione greca.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture