Forrest contro la Mineral Resources Rent Tax

20 giugno 2011
Di

Andrew Forrest, ceo di Fortescue Minerals, non ha gradito la tassa sui superprofitti minerari in Australia, affermando che quest’ultima sarebbe anticostituzionale. Forrest minaccia, infatti, di rivolgersi alla Corte Suprema nel caso in cui non siano apportate concrete modifiche. La Mineral Resources Rent Tax (Mrrt), che potrebbe entrare in vigore già dal 1° luglio 2012, andrebbe a creare importanti discriminazioni tra le società del settore, conferendo un netto vantaggio ai tre maggiori gruppi minerari Bhp Billiton, Rio Tinto e Xstrata, rispetto ai piccoli e medi operatori. Forrest ha chiarito la sua posizione, affermando che:

«Abbiamo ripreso la protesta dopo molti mesi di silenzio perché abbiamo sperato che la revisione operata in questi mesi avesse tenuto conto delle esigenze e delle proposte del resto dell’industria mineraria. Invece, le consultazioni non sono state altro che un esercizio di ipocrisia da parte del Governo». «È ora chiaro che la Mrrt rappresenta un accordo segreto tra Canberra e tre grandi multinazionali. Ed è altrettanto chiaro che è stata ideata a solo beneficio di questi gruppi, che in cambio hanno aiutato l’esecutivo laburista a vincere le scorse elezioni. È quindi ora di riprendere la lotta». Lo scorso luglio Bhp, Rio e Xstrata, durante i colloqui con il Governo federale, erano riuscite ad ottenere delle modifiche alla nuova tassa, in base ai loro suggerimenti, mentre gli altri operatori del settore non erano nemmeno stati consultati.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture