La benzina scende a quota 1,5 euro/litro

27 giugno 2011
Di

In meno di una settimana per la terza volta consecutiva, Eni ha limato i prezzi raccomandati della verde di 1 cent e del gasolio di 1,5 cent. In diminuzione di 0,5 centesimi su entrambi i prodotti anche TotalErg, mentre Tamoil ha abbassato sempre di 0,5 centesimi la sola benzina. Il momento  ribassista interessa tutte le compagnie e anche le no-logo, con la benzina che, in alcuni impianti, torna dopo tanto tempo a quota 1,5 euro/litro (nelle punte minime)

e il diesel che flette al di sotto di 1,4 euro/litro (sempre nei valori minimi). Questa è la situazione che emerge dall’analisi di quotidianoenergia.it su un campione di stazioni di servizio rappresentativo della situazione nazionale per Check-Up Prezzi QE. L’Eni ha inoltre deciso l’arrivo di 60 milioni di barili di greggio, al fine di incentivare il ribasso dei carburanti. La decisione della compagnia italiana ha fatto franare le quotazioni petrolifere internazionali. Alla chiusura di giovedì, infatti, in Mediterraneo la benzina ha perso quasi 32 $/ton scivolando a 978,75 $/ton, mentre il diesel 36,50 $/ton a 931 $/ton. Un comportamento che non poteva lasciare indifferenti le compagnie petrolifere, le quali già nei giorni scorsi godevano di margini lordi più che abbondanti.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture