La Grecia ha approvato il piano di austerity, ma non è finita

30 giugno 2011
Di

La Grecia può finalmente lanciare un messaggio rincuorante ai mercati, grazie al nuovo pacchetto di misure di austerità varato dal governo greco. Tali misure hanno un valore complessivo di oltre 78 miliardi di euro, quest’ultime suddivise in 28,4 miliardi in misure fiscali più 50 miliardi in privatizzazioni. Il piano è stato pattuito dall’esecutivo del primo ministro George Papandreou con l’Unione Europea e l’Fmi.

La misura ha ottenuto più dei 151 voti su 300 necessari. Nel giorno del voto più importante degli ultimi anni per la Grecia, il governo Papandreou ha però visto logorare la sua maggioranza parlamentare da 155 a 154 su un totale di 300 seggi. Il Parlamento tornerà a votare oggi su un pacchetto di norme per attuare in concreto le misure di austerità varate ieri. Su questo fronte il ministro delle Finanze Vangelos Venizelos si dice sicuro di ottenere la maggioranza, quando si voteranno le misure di bilancio e le privatizzazioni. «Oggi abbiamo superato un importante gradino – afferma il ministro – domani affronteremo il secondo e domenica sarò in grado di andare alla riunione dell’Eurogruppo con le prove della credibilità del mio paese». Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha commentato: «È veramente un’ottima notizia». Per completare il piano occorre che il Parlamento approvi oggi anche le misure destinate a realizzare il programma di risanamento. Lo hanno confermato il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso e il presidente del Consiglio Ue Herman Van Rompuy. Con il voto è stata spianata la strada per la concessione della quinta tranche del prestito alla Grecia.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture