Per le Compagnie Assicurative c’é lo stress test

5 luglio 2011
Di

“I risultati dei test indicano che il mercato assicurativo europeo è ben preparato per affrontare gli shock”. A dichiararlo è stata l´EIOPA, l´European Insurance and Occupational Pensions Authority, la quale ha annunciato i risultati del secondo test messo in atto per verificare la resistenza del settore assicurativo europeo agli shock economici.

I test sono stati condotti su 129 tra gruppi (58) e società (71) del comparto, che a fine 2010 secondo l´EIOPA presentavano un surplus di capitale complessivo di 425 miliardi di euro. Il test ipotizzando scenari economici ancora più severi degli attuali, ha consentito all´Autorità di valutare la capacità delle compagnie di conseguire i requisiti minimi di capitale previsti dalle regole di Solvency II. Quest’ultima è un´iniziativa promossa sulla falsariga di Basilea II destinata al comparto bancario, con la quale si valuta la solvibilità delle compagnie assicurative ed entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2013. Nella nuova formulazione di Solvency II verranno presi in considerazione sia gli aspetti di natura quantitativa, sia quelli di natura qualitativa, al fine di determinare l´effettivo profilo di rischio. I requisiti minimi di patrimonializzazione previsti da Solvency II prevedono un livello patrimoniale obiettivo (SCR, Solvency Capital Requirement), il quale rappresenta il capitale per fronteggiare l´effettivo profilo di rischio dell´impresa, ed un livello di patrimonializzazione minimo (MCR, Minimum Capital Requirement), il livello al di sotto del quale la compagnia non può scendere. Il risultato del test ha determinato che il 10% circa delle società prese a campione, pari a 13 compagnie, non raggiungerebbe i requisiti minimi di capitale previsti dalle nuove normative: i test evidenziano un deficit di capitale per le compagnie bocciate rispetto a Solvency II di 4,4 miliardi. L´8% invece, 10 compagnie, non passerebbe la prova in caso di uno choc sui prezzi mentre il 5%, 6 compagnie, sarebbe bocciato in caso di shock sui titolo sovrani. Traducendo il risultato, si può dire che, come rileva la stessa EIOPA, il settore assicurativo europeo “resta robusto” e l´eventuale deficit di solvibilità complessivo è “moderato rispetto al capitale”.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture