Cina: aumentano i tassi di interesse sui depositi della Banca Centrale

6 luglio 2011
Di

La Banca Centrale Cinese (People Bank of China) ha deciso di aumentare il tasso di interesse sui depositi di 25 punti base, che ha così raggiunto il 3,5%. Aumento previsto anche per il tasso sui prestiti, che dal 6,31% balza al 6,56%.

Non è una novità che la Banca Centrale Cinese decida di attuare queste misure: anzi, si tratta del terzo rialzo a partire dall’inizio del 2011. I rialzi sono dovuti al costante aumento dell’inflazione, che continua a crescere a partire dal primo forte sbalzo nel luglio del 2008. Certamente il fatto che i tassi continuino a salire potrebbe far nascere il sospetto che la situazione economica generale della Cina possa subire un ulteriore rallentamento, più grave di quanto finora previsto dagli esperti meno ottimisti nel confronti del Paese del Dragone. Gli ultimi dati macroeconomici diffusi non sono certo rassicuranti: evidentemente la soluzione adottata dal governo e dagli enti di politica monetaria di Pechino intendono agire in primo luogo per bloccare l’inflazione, e stabilire soltanto in secondo luogo eventuali altre misure per favorire la ripresa dell’economia cinese. Le conseguenze potrebbero comunque essere pesanti, e non tarderanno a farsi sentire sulle spalle dei cittadini e in particolare dei lavoratori cinesi.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture