Ultimatum della Grecia: il ministro delle Finanze preme per nuovi aiuti entro il 15 settembre

12 luglio 2011
Di

Gli aiuti per la Grecia e la difficile situazione economica del Paese non sono più soltanto un ausilio per evitare di precipitare nella più totale catastrofe: si trata ormai di vere e proprie necessità, che dovranno essere soddisfatte, secondo Evangelios Venizelos, il Ministro delle Finanze greco, entro il prossimo 15 settembre.

Per facilitare l’erogazione di una nuova tranche di aiuti il Ministro ha infine ammesso che il Paese è ormai disposto ad accelerare sulle misure di austerity richieste dai Paesi dell’Eurozona e anche sul piano delle privatizzazioni. Nonostante la dichiarazione di Venizelos, vista da molti come un ultimatum e da molti altri come una richiesa quasi implorante di aiuto, il Ministro ha smentito la possibilità annunciata dalle agenzie internazionali che la Grecia possa andare incontro a un parziale default del debito nazionale.

Sempre secondo il Ministro delle Finanze Venizelos, l’attacco promosso dai mercati internazionali verso la Grecia è soltanto un facile pretesto per muovere un attacco più diretto verso la moneta unica dell’Unione Europea: “qualunque cosa la Grecia farà i mercati finanziari continueranno ad attaccarla”. L’unica possibilità per smentirli e per ritornare a una situazione di stabilità, a livello greco e a livello europeo, consiste nella promozione di aiuti al governo di Atene.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture