Le banche spagnole e italiane superano lo stress test

19 luglio 2011
Di

Le grandi banche italiane e spagnole superano lo stress test della scorsa settimana e si possono considerare, per questo motivo, come le più forti dell’eurozona. Un risultato che secondo il Financial Times conforta ed allevia la pressione finanziaria su gruppi come Intesa Sanpaolo in Italia e Bbva e Santander in Spagna.

Di parere contrario il Wall Street Journal il quale lancia di nuovo l’allarme, poiché ritiene che le banche spagnole e italiane siano le più esposte a prestiti erogati a privati e imprese nei Paesi europei con l’economia in difficoltà. Chi ha ragione? Lo stress test condotto dall’Autorità bancaria europea (Eba) ha evidenziato un deficit di capitale complessivo di appena 2,5 miliardi di euro presso otto banche, provocando le critiche di coloro che ritengono i test poco severi. Gli investitori che hanno analizzato i risultati ed i dati pubblicati dall’Eba credono che l’attestato di buona salute dato a banche come Intesa Sanpaolo, Bbva e Santader potrebbe dare loro una opportuna spinta: il quotidiano britannico spiega che questi gruppi sono stati trascinati nel clima negativo esistente nei confronti dei loro Paesi e hanno avuto problemi nel trovare finanziamenti a breve termine a tassi ragionevoli. Tra le “blue chip” dell’eurozona, la banca spagnola Bbva ha ottenuto il risultato migliore con un tier 1 capital ratio di 9,2 per cento. Intesa è al secondo posto con 8,9 per cento, seguita dall’olandese Ing con 8,7 per cento, dalla francese Crédit Agricole con 8,5 per cento e da Santander con 8,4 per cento. Sulla carta, sottolinea ancora il FT, gli stress test europei rappresentano il più ambizioso esercizio del genere mai intrapreso.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture