Borse europee in blackout

5 agosto 2011
Di

Forse, più che trattarsi di un guasto tecnico, è stata la mano di Dio. Nella nona giornata di fila in cui le Borse di tutta Europa sprofondano senza controllo, bruciando 173 miliardi di euro di capitalizzazione, cinque listini europei hanno conosciuto il blocco tecnico: Piazza Affari è andata in tilt nell’ultima mezz’ora, con gli indici che non erano più in grado di aggiornarsi, mentre i listini di Parigi, Bruxelles, Lisbona e Amsterdam si sono bloccati

per circa un’ora a causa di malfunzionamenti dei computer della casa-madre Nyse-Euronext. Il flusso di vendite ha interrotto i computer, creando il blackout. Ma il blocco non ha cambiato il significato della giornata, che può considerarsi nera. La Borsa di Milano ha perso il 5,16%, portando al 17,12% il ribasso delle ultime nove sedute. Londra ha ceduto il 3,43%, Parigi il 3,90%, Francoforte il 3,40%, Madrid il 3,89%. In nove giorni in Europa sono stati bruciati circa 500 miliardi di euro in Borsa: cifra più o meno comparabile al Pil di un Paese come l’Austria. E non è andata meglio a New York, con Wall Street in ribasso del 4,78%. Le banche centrali stanno cercando di intervenire, ma il risultato non cambia: la sfiducia è globale.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture