Grecia: sciopero generale

19 ottobre 2011
Di

Ancora proteste in Grecia, indetto uno sciopero generale di 48 ore.  ”La Grecia e’ tenuta in ostaggio da scioperi e proteste che non aiutano il Paese”, ha dichiarato il premier, George Papandreou in un intervento rivolto ai deputati del Pasok ai quali ha assicurato che ”il governo sta lottando per salvare il Paese dal default e c’e’ ancora molto lavoro da fare”. Lo sciopero generale  e’ stato indetto dai due maggiori sindacati del Paese, l’Adedy e la Gsee (che rappresentano rispettivamente i dipendenti statali e quelli del settore privato) contro l’ultima manovra aggiuntiva varata dal governo per incassare gli otto miliardi di euro della sesta tranche di aiuti dalla comunita’ internazionale. Manovra che il Parlamento si appresta a votare proprio giovedi’.

”La settimana che stiamo vivendo è una delle più cruciali della storia contemporanea del Paese. Le decisioni del governo e della troika, cosi’ come vengono attuate dal multi-disegno di legge-ghigliottina, conducono la società greca alla povertà e la miseria”, ha sentenziato Ilias Vretakos, vice presidente dell’Adedy. Non c’e’ un settore del lavoro che non incrocera’ le braccia. Oltre agli statali, ai dipendenti delle imprese a partecipazione statale, degli Enti previdenziali, degli ospedali e della pubblica istruzione si fermano di nuovo anche i portuali che da giorni non consentono i collegamenti dei traghetti da e per le isole, i dipendenti delle due compagnie aeree greche Olympic Air ed Aegean Airlines oltre ai controlli di volo. Da ieri è cominciata pure una settimana di occupazioni e di manifestazioni di protesta anche nel settore della sanità inoltre la capitale è ormai invasa da migliaia di tonnellate di rifiuti accumulatesi a causa dello sciopero degli addetti comunali alla raccolta dei rifiuti. La situazione è davvero grave.

 

 

Tag: , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture