Fisco, controlli sulle piste da sci

7 gennaio 2012
Di

Quella di Cortina è stata soltanto la prima, inaugurale tappa della stagione invernale nella lotta anti-evasione. Presto partirà un’altra serie di controlli a tappeto su ristoranti, hotel, bar, boutique e gioiellerie nelle località sciistiche più frequentate d’Italia. Per l’onorevole Guido Crosetto, sempre Pdl, «l’atteggiamento di Befera è sembrato sopra le righe» e sarebbe opportuna «una commissione d’inchiesta sull’azione dell’Agenzia delle Entrate e soprattutto su Equitalia (diretta anche questa da Befera) per verificare distorsioni ed eccessi». Non tanto sul blitz nella perla delle Dolomiti, quanto «nelle centinaia di azioni contro cittadini e piccoli imprenditori». Osvaldo Napoli, vicepresidente deputati Pdl, sostiene con veemenza che «l’Italia non è un popolo di evasori, con questo livello di presione fiscale sempre più elevato lo Stato diventa strozzino. Non c’era bisogno di arrivare fino a Cortina, bastava scendere nel bar sotto casa per scovare l’evasore».
Però, a chi nel blitz scova-furbetti ci vede un accanimento contro Cortina e i suoi poveri in Suv e zibellino, l’Agenzia delle Entrate ricorda le analoghe operazioni estive su discoteche, villaggi, barche e stabilimenti balneari con «ombrellometro» alla mano, senza che nessuno si indignasse.

Da Portofino, dove il profumo dei soldi è forte come quello del mare, il primo cittadino Giorgio D’Alia sostiene che «i controlli sono la normalità, qui non abbiamo niente da temere».  A Giorgio Orsoni, che guida Venezia, stanno bene le verifiche ma «non la spettacolarizzazione». Ciro Lembo, sindaco di Capri, amata da tanti billionari, sottolinea che «da due anni lavoriamo in stretta collaborazione con la Guardia di Finanza, teniamo d’occhio anche le seconde case».  Appare “curioso” infine il sondaggio lanciato su SkyTg24, dove risulta che circa il 90% degli italiani approva la “spedizione” detta “007” del Fisco a Cortina. Ma alla fine chi sono allora gli ipotetici “evasori?”.

 

 

Tag: , , , , ,

Lascia un commento



Letture