Mercati all’ingrosso di titoli di Stato

1 novembre 2008
Di

I mercati all’ingrosso dei titoli di Stato vengono approvati, disciplinati e autorizzati dal ministero dell’Economia e delle Finanza una volta consultate la Banca d’Italia e la Consob. I soggetti che di diritto sono ammessi alla negoziazione all’interno di questi mercati sono la Banca d’Italia e il ministero dell’Economia e delle Finanze; quest’ultimo in caso di suo intervento deve inviare segnalazione alla Banca d’Italia che può richiedere, entro 24 ore, il differimento dell’operazione o diverse modalità di attuazione.

L’autorizzazione dei mercati viene rilasciata dal ministero dell’Economia e delle Finanze, consultati Consob e Banca d’Italia, entro 60 giorni dal ricevimento dell’istanza della società di gestione quando:

  • la società di gestione dimostra di possedere i requisiti richiesti;
  • il regolamento è stato approvato.

Per ciascun mercato il ministero dell’Economia e delle Finanze  iscrive in un elenco (elenco degli specialisti in titoli di Stato) gli operatori principali che ne facciano domanda e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • possesso di un patrimonio netto di vigilanza parti ad almeno 38,73 milioni di euro;
  • svolgimento di un’attività nei diversi comparti del mercato secondario coerente con gli obiettivi di gestione del debito pubblico;
  • possesso di una struttura organizzativa idonea, in particolare, ad assicurare il collocamento dei titoli di Stato presso gli investitori finali;
  • aggiudicazione, su base annua, anche a livello di gruppo, di una quota peri ad almeno il 3% del totale dei titoli emessi nelle aste sul mercato primario dei titoli di Stato italiani. La quota viene calcolata tenendo conto delle diverse differenti caratteristiche finanziarie dei titoli.

Per la contrattazione ci sono lotti minimi da rispettare che non possono essere inferiori a 2,5 milioni di euro per i titoli di Stato e di 250000 euro per il mercato delle obbligazioni, private e pubbliche, diverse dai titoli di Stato.

Tag: , , ,

Lascia un commento



Letture