Liberalizzazioni: Tasse, rate variabili

14 gennaio 2012
Di

Il governo procede sul decreto per le liberalizzazioni. Secondo le ultime indiscrezioni già dal prossimo consiglio dei ministri potrebbero arrivare novità per le frequenze televisive. Così l’assegnazione gratuita di sei canali agli operatori tv nazionali, secondo il meccanismo del beauty contest introdotto dall’ex ministro Paolo Romani, potrebbe essere rivista. Accanto a questo anche misure per l’innovazione digitale secondo la strada indicata dal garante per le comunicazioni Agcom. Intanto sale la protesta con le categorie pronte a dare battaglia. I tassisti, che sciopereranno il 23, hanno chiesto al governo di essere convocati minacciando blocchi e dando vita a scioperi selvaggi tanto da indurre il Garante a paventare la possibilità di una precettazione. I liberi professionisti annunciano manifestazioni unitarie il 21 a Milano e il 23 a Napoli.

Niente più ipoteca sulla casa se il debito con il fisco viene rateizzato. Nascosta nelle pieghe del decreto sulle liberalizzazioni, ancora in bozza, arriva una gran bella notizia per migliaia di contribuenti alle prese con i debiti tributari. In caso di dilazione del pagamento, infatti, si stabilisce che gli agenti della riscossione non possano procedere all’iscrizione ipotecaria sugli immobili. Molto spesso, infatti, l’istanza cautelativa del fisco, «impedisce al soggetto, nonostante il pagamento delle rate e quindi in regola con i pagamenti, di poter accedere al credito bancario», come sottolinea la relazione illustrativa di quello che dovrebbe essere l’articolo 4 del futuro decreto. I danni dell’ipoteca fiscale sono certi, mentre i vantaggi «irrisori», come riconosce il governo: in caso di vendita dell’immobile il fisco avrebbe la possibilità di una revocatoria nei confronti del debitore nell’arco dei successivi cinque anni, mentre la rateizzazione ha al massimo una durata di sei anni. Lo stesso articolo introduce anche la possibilità di dilazionare il debito con il fisco con rate variabili anziché costanti: più basse all’inizio e progressivamente crescenti fino a divenire stabili a partire dal terzo anno.

Tag: , , , , , , , , , ,

Lascia un commento



Letture