Economia mondiale favorevole: svolta per le Pmi

4 gennaio 2011
Di

Il panorama economico che abbiamo lasciato nel 2010 sta cambiando, anche se lentamente. A livello mondiale il 2011 si presenta come il punto di svolta poichè le prospettive di breve termine dell’economia sono diventate più favorevoli. Si prevede, secondo l’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) e il Fmi (Fondo Monetario Internazionale), una crescita del 3,1% rispetto al 2,8% stimato nel 2010 negli Usa, un’accelerazione per l’Europa orientale e un Pil in crescita dell’1,7% nella zona euro con l’Italia sotto la media all’1%.

Anno decisivo per consolidare il bilancio nella zona euro. Pesanti correzioni fiscali verranno attuate in Paesi come la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo. L’obiettivo è riconquistare credibilità e il mezzo avviare azioni politiche concrete. In questo momento si punta sulla Germania: primo mercato di sbocco per le esportazioni italiane. Invece per quanto riguarda l’area non europea si confida, per una ripresa economica mondiale, sugli Usa, India e Brasile.

Secondo Luca Mezzomo, responsabile delle ricerche macroeconomiche di Intesa Sanpaolo, il rischio di una fine prematura della ripresa è minimo. In media, la crescita globale è destinata a rallentare rispetto al 2010 e si considera un ritmo del 4,4% rispetto al 4,6% stimato lo scorso anno.

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento



Letture