Bund tedeschi in calo, previsioni al rialzo per i rendimenti

4 gennaio 2011
Di

I bund tedeschi con scadenza a marzo, nella mattinata di oggi, segnalano un leggerissimo calo dello 0,06%, sostanzialmente stabili, ma in attesa di conoscere alcuni dati macrieconomici, che influiscono parecchio su un titolo di debito dello stato.

Attualmente quotati a 125,66, i bund sono stati accompagnati, fino a oggi, da un clima di fiducia, che ereditano dalla solidità dei conti pubblici tedeschi.

I decennali sono attualmente quotati intorno al 3%, ma hanno subito leggeri incrementi nelle ultime aste, causati da un’ondata di scetticismo e speculazione che si sono riversati anche su questi titoli molto sicuri.

Quanto alle prospettive, dobbiamo fare riferimento alle aspettative di crescita dell’inflazione e dell’economia tedesca, che spingeranno in rialzo i rendimenti, per tutelare i margini reale degli investitori. I dati sulla disoccupazione stabile in Germania, appena divulgati, potrebbero anche raffreddare le attese di crescita dei rendimenti dei Bund tedeschi, anche se oggi dovrebbero uscire i dati sull’inflazione, ai massimi da due anni.

Paradossalmente, proprio la crescita dei rendimenti dei bonds periferici, associata all’azione di salvataggio che la Germania in testa sta intraprendendo verso i relativi Paesi, potranno imprimere una svolta al rialzo nei tassi praticati dal governo tedesco per collocare i suoi titoli del debito, e ciò in considerazione della maggiore appetibilità degli investimenti nei titoli periferici a scopo speculativo, con spread anche di oltre 600 punti base, come nel caso dell’Irlanda, e a fronte di un rischio che, tutto sommato, i mercati considerano contenuto, grazie alla politica UE di aiuti e di sostegno alle finanze dei Paesi a rischio.

Anche i Bund, quindi, potrebbero, in questo primo scorcio del 2011, subire un’impennata non drammatica dei tassi, con corrispondente diminuzione del valore di quotazione dei titoli, anche se le quotazioni dei bund con scadenza a breve sembrano seguire il tradizionale pattern crescente, all’avvicinarsi della scadenza. Ma non è scontato, per i titoli di nuova emissione, che le relative quotazioni abbiano un trend crescente, per cui cautela per gli investimenti a scadenze corte.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture