Futures Euribor in discesa dopo parole Trichet

14 gennaio 2011
Di

I futures sui tassi a breve dell’Euribor segnano stamane un andamento discendente, dopo le parole pronunciate ieri dal Presidente della BCE, Jean-Claude Trichet, a proposito di un suo timore per la crescita del tasso di inflazione nel medio periodo, tra i Paesi dell’area euro, a causa del rincaro di molte materie prime.

La curva dei tassi di breve termine ha subito reagito, proprio in vista di un rialzo dei tassi di riferimento, come ha lasciato intendere lo stesso Trichet, in funzione della lotta all’inflazione.

Il mercato sta quindi riposizionandosi, scontando un aumento dei tassi, per cui gli operatori desiderano impegnarsi poco sul breve termine, concentrando gli acquisti sulle scadenze lunghe, in vista, appunto, di un rialzo dei tassi.

La conseguenza dovrebbe essere una discesa dei tassi a breve dell’Eurozona e una conseguente lievitazione dei tassi a lungo, il che starebbe già avvenendo.

Il differenziale dei tassi di rendimento tedeschi sta già vivendo i minimi da metà dicembre, attestandosi a uno spread di circa 187 centesimi.

Quali saranno quindi le conseguenze delle parole di Trichet? Lo stesso Presidente della BCE ha fatto capire che pur essendo l’attuale tasso dell’1% appropriato alla situazione economica, tuttavia, a breve non si esclude di intervenire sui tassi, in modo tale da bloccare sul nascere il pericolo di un surriscaldamento dei prezzi. Le frasi di Trichet non sono affatto casuali, ma hanno avuto l’obiettivo di preparare i mercati alla stretta creditizia; cosa che è subito avvenuta e che avverrà nei prossimi giorni, con gli operatori che riposizioneranno il portafoglio a secondo della propria posizione, preferendo il breve o lungo termine. E c’è da scommettere che solo dopo che tale riposizionamento avverrà, la BCE aumenterà davvero i tassi, avendo il mercato già scontato l’effetto annuncio e quindi non creando più alcuno scossone.

Al momento si segnalano Futures Euribor in calo su tutte le scadenze prima della fine del 2012.

Tag: , ,

Lascia un commento



Letture