Il Mercato degli strumenti derivati (Idem)

11 novembre 2008
Di

Il mercato degli strumenti derivati (Idem) è il mercato di Borsa in cui si negoziano contratti futures e contratti di opzione aventi come attività sottostante strumenti finanziari, tassi di interesse, valute, merci e relativi indici. Dal 22 luglio 2002 ha preso avvio il mercato dei futures su azioni o Idem stock futures.

A seguito della riforma della disciplina dei mercati mobiliari regolamentati, l’Idem è organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. secondo le norme previste nel regolamento deliberato dall’assemblea ordinaria della stessa società e ritenuto valido dalla Consob al fine di assicurare la trasparenza del mercato, l’ordinato svolgimento delle negoziazioni e la tutela degli investitori.

Alle negoziazioni del nel mercato degli strumenti derivati possono partecipare:

  • agenti di cambio iscritti al ruolo unico nazionale autorizzati alla prestazione del servizio di negoziazione per conto terzi;
  • banche nazionali, comunitarie ed extracomunitarie autorizzate allo svolgimento dell’attività di negoziazione per conto proprio e/o conto terzi;
  • imprese di investimento nazionali, comunitarie ed extracomunitarie autorizzate allo svolgimento dell’attività di negoziazione per conto proprio e/o conto terzi;
  • intermediari finanziari iscritti nell’elenco previsto dall’art. 107 del Testo unico bacnario autorizzati alla negoziazione per conto proprio;
  • locals aventi sede legale in uno Stato comunitario i quali siano autorizzati a negoziare su un mercato comunitario, siano soggetti nllo Stato d’rorigine alla vigilanza da parte di un’autorità pubblica con la quale la Consob abbia stabilito intese e siano sottoposti nello Stato di origine a requisiti di capitale, nonchè onorabilità e professionalità;
  • banche e imprese di investimento extracomunitarie autorizzate alla prestazione del servizio di negoziazione per conto proprio o per conto terzi, limitatamente ai mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana o ai singoli compari ai quali la Consob abbia concesso il nulla osta;
  • Poste Italiane S.p.A..

Nel mercato dei derivati possono essere negoziati contratti futures e contratti di opzione aventi come attività sottostante strumenti finanziari, tassi di interesse, valute, merci e relativi indici.

I Contratti Futures sono strumenti con cui le parti si impegnano a scambiarsi a scadenza un certo quantitativo dell’attività sottostante a un prezzo prestabilito. La liquidazione a scadenza del contratto può altresì avvenire mediante lo scambio di una somma di denaro.

I Contratti di Opzione sono strumenti finanziari con cui una delle parti, pagando un corrispettivo (premio), acquista la facoltà di acquistare (opzione call) o di vendere (opzione put), alla o entro la data di scadenza, un certo quantitativo dell’attività sottostante a un prezzo prestabilito (prezzo di esercizio). La liquidazione del contratto può anche avvenire, il giorno in cui la facoltà è esercitata o alla scadenza, mediante lo scambio di denaro (per le call differenza tra prezzo di liquidazione dell’attività sottostante e prezzo di esercizio; per le put: differenza tra prezzo di esercizio e prezzo di liquidazione dell’attività sottostante).

L’attività sottostante uno strumento derivato deve soddisfare caratteristiche di liquidità, continuità delle negoziazioni, diponibilità o reperibilità di tutte le informazioni rilevanti, disponibilità di prezzi ufficiali o comunque significativi. Qualora l’attività sottostante sia costituita da indici, gli stessi devono essere caratterizzati da trasparenza nei metodi di calcolo e di diffusione.

La Borsa Italiana definisce le caratteristiche contrattuali di ciascuno strumento derivato negoziabile nel mercato e:

  • specifica la relativa metodologia di calcolo e di gestione nel caso in cui l’attività sottostante sia costituita da indici;
  • determina il prezzo di liquidazione dei contratti in modo tale che sia espressione di una quantità significativa di volumi negoziati dall’attività sottostante;
  • comunica preventivamente alla Consob le caratteristiche contrattuali; l’entrata in vigore della disciplina è subordinata all’esplicito assenso della Consob.

Nella specificazione delle caratteristiche la Borsa fa esplicito riferimento ai seguenti elementi:

  • attività sottostante;
  • valore nominale;
  • modalità di liquidazione;
  • prezzo di liquidazione;
  • scadenze negoziate;
  • giorno e orario in cui hanno termine le negoziazioni;
  • giorno di scadenza;
  • struttura dei prezzi di esercizio;
  • tipo di facoltà, nonchè i termini e le modalità del suo esercizio;
  • modalità di liquidazione dei contratti derivanti dall’esercizio delle opzioni.

I contratti negoziati sul mercato Idem sono compensati e garantiti dalla Cassa di compensazione e garanzia.

Tag: , , , ,

Lascia un commento



Letture